GAS le GIARE

Il mondo dell’Economia Solidale è sempre in fermento…

Nelle Reti e nei Distretti di Economia Solidale si scambiano idee, proposte, consigli e spesso nascono interessanti progetti e sorprendenti iniziative.

Anche il nostro GAS tende l’orecchio (e l’occhio) a questo mondo, di cui fa parte! A volte ci mette anche mani e testa e partecipa concretamente…  (ad esempio su www.desreggioemilia.wordpress.com)

Ci fa piacere, pertanto, condividere una lista di 10 BUONE NOTIZIE (ed esempi concreti) arrivata oggi tramite una delle mailing list delle reti di economia solidale in Italia.

Buona Lettura

Un cambiamento radicale (Serge Latouche)

Abbiamo bisogno di un modo diverso di guardare il mondo, di una trasformazione che metta in discussione prima di tutto il lavoro. Non si tratta solo di lavorare meno per lavorare tutti, ma di lavorare meno per vivere meglio

Piccole rivoluzioni del fare (Paolo Cacciari)

La ricerca pratica e teorica di alternative alla crisi dei modelli fin qui conosciuti di sviluppo si fa sempre più impellente, dice Paolo Cacciari, e le popolazioni cominciano a costruirsele da sole, dal basso, concretamente: filiere corte, distretti di economie tra loro solidali, Gas, occupazioni di teatri e cinema, banche del tempo, orti condivisi, semi scambiati liberamente tra i contadini, condivisioni di software libero, ecovillaggi e co-housing, siti internet che raccontano il cambiamento

Tutti giù per Terra-Madre

Ecco dove e perché si diffondono le esperienze degli agriasilo

Un miliardo di dollari per gli orti urbani

Pochi sanno che ci sono città come Todmorden, in Gran Bretagna, dove i cittadini coltivano i propri ortaggi in ogni luogo pubblico che lo permette con l’obiettivo di diventare completamente autosufficienti nel giro di pochi anni. Intanto, sono ormai migliaia gli orti urbani anche in metropoli come New York, grazie ai movimenti spotanei e a politiche amministrative favorevoli a questo tipo di cambiamento come a New York

La Casa scollegata dalle reti

E’ possibile autocostruire case di paglia con impianti fotovoltaici per pochi soldi? Sì

Impara a riparare

Mentre in Olanda e in Francia si diffondono i Caffè delle riparazioni, negli Stati uniti si moltiplicano gruppi come i Fixers Collective che si riuniscono ogni settimana in una galleria d’arte di New York, nel quartiere di Brooklyn, e riparano gratuitamenti oggetti rotti.

Orto sharing

Un bando del Centro agroalimentare di Bologna assegna 108 orti da 100 mq l’uno dove studenti, giovani e famiglie potranno coltivare frutta e verdura per il sostentamento personale, ma anche per la vendita diretta e lo scambio delle eccedenze

Che ci fa lo spremipomodori in fabbrica?

Le vicende della cooperativa Ri-Maflow di Trezzano (Milano), fabbrica autogestita che ha scelto la strada della conversione ecologica (dalla produzione di componenti per autoveicoli a riuso e riciclo di prodotti tecnologici), è ormai nota a molti. Il loro percorso di fabbrica decisamente anomala include, ad esempio, la rete Fuorimercato e il Gas collegato ai produttori del Parco Agricolo Sud Milano. E’ in questo contesto che è nata l’idea, apprezzata da tanti, della RI-passata di pomodoro

Sentirsi tonni

«La tonnara chiude i pesci in un recinto senza speranza dal quale verranno issati, dopo essere stati arpionati. Nessuno si salva… Lorenzo Guadagnucci parte con questa immagine e attinge alla sua testimonianza diretta di Gen.ova 2001 per introdurre il suo ultimo libro (Restiamo animali, Terre di mezzo). Subito si intuisce come la condizione umana non può essere pensata come separata da quella degli altri animali – dice Marco Verdone, medico veterinario omeopata – La violenza che esercitiamo sugli animali ha strette relazioni con quella che esprimiamo sui nostri simili quando li riduciamo a non umani»

Abiti usati, mercati e mercanti

Occuparsi di riciclo significa anche conoscere l’intera filiera del tessile e scegliere.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa cookies per migliorare l\'esperienza di navigazione Cliccando su \"ACCETTO\" consenti l\'uso dei cookies MAGGIORI INFORMAZIONI | ACCETTO