GAS le GIARE

Pensieri di un GASista qualunque

30 aprile 2012
by Claudio

Quando sono entrato nel GAS "Le Giare", 5 anni or sono, il motivo principale dell'adesione era legato al cibo: la scelta familiare di mangiare e far mangiare i nostri figli prodotti sani e genuini/naturali ben si sposava con la filosofia di un Gruppo d'Acquisto Solidale. Inoltre la preferenza di produttori piccoli, locali e fidati, la necessità di conoscerli di persona, di andarci a parlare, la modalità dei gruppi di acquisto dove ci si butta in prima persona nelle attività e, fattore non poco importante, la possibilità di risparmiare qualcosa rendevano il tutto più interessante e, perchè no, "divertente".

Tuttavia in questi anni di partecipazione attiva e grazie alla fortuna di far parte del Consiglio Direttivo del GAS e di potermi confrontare con tanti soci del nostro gruppo, sempre più convinti e critici, ho capito che c'è molto di più… insomma non di solo cibo vive il GAS.

Ci sono tantissime "opportunità solidali" che possiamo cogliere, azioni e scelte che possiamo intraprendere ogni giorno, STILI DI VITA che ci riguardano tutti (anche chi non fa parte di un GAS), perchè hanno il potere di migliorare la vita di tutti.

Prima di ogni prodotto o servizio che acquistiamo c'è una storia e il consumo critico può, senza dubbio, esercitare la sua forte azione politica anche al di fuori del settore alimentare. Perciò come ci interessiamo delle storie che ci sono dietro ai prodotti alimentari che scegliamo, preferendoli a quelle mele o a quei pomodori "così belli" negli scaffali dei supermercati, così dovremmo preoccuparci della provenienza e del materiale dei vestiti che indossiamo, conoscere l'utilizzo dei nostri soldi depositati in banca, sapere cosa favoriamo quando sottoscriviamo un contratto per un servizio per l'energia elettrica o la telefonia, sapere come e con cosa vengono fabbricati i mobili e gli oggetti che introduciamo nelle nostre case. Troppo spesso, invece, si valuta solo il prezzo più conveniente e si insegue il miraggio dello sconto e delle offerte.

Grazie all'esperienza del GAS, si svelano, però, tanti retroscena che non possono essere ignorati…

Si comprende che il prezzo sbagliato non è quello troppo alto del biologico , ma piuttosto quello troppo basso del convenzionale ottenuto spesso con metodi poco sani e poco etici…

Si apprezzano i materiali naturali dei nostri indumenti e si nota che durano di più dei capi "Made in China" e che puzzano meno (i miei piedi possono testimoniare!)…

Si scoprono detersivi ecologici e metodi naturali efficacissimi per lavare bene i nostri vestiti e le nostre case…

Si conoscono personalmente tante realtà e aziende con progetti di apprezzabile valore etico e sociale…

…E tanto altro!!!

Si impara che ogni scelta ha una conseguenza politico-sociale e quindi è importante indirizzarla insieme alle scelte altrui verso un unico obiettivo finale: IL BENE COMUNE.
Esistono tanti modi e tanti settori, quindi, dove poter scatenare la nostra azione solidale.

Ho visitato per il secondo anno consecutivo alla fiera "Fa la cosa giusta" a Milano ed e' stata l'occasione per avere un'idea di quante diverse realtà lavorano e vivono secondo questi principi… fortunatamente TANTE!!!

La fiera, infatti, era divisa in ben 11 settori!!

  Abitare green
  Commercio equo e solidale
  Cosmesi naturale e biologica
  Critical fashion
  Il pianeta dei piccoli
 
  Mobilità sostenibile
  Pace e partecipazione
  Servizi per la sostenibilità
  Spazio narrativa
  Turismo consapevole

Ognuna di queste aree tematiche aveva moltissime proposte per quel che riguarda conferenze, incontri e produttori che facevano assaggiare, provare, toccare, conoscere i loro prodotti. [cliccate sui link dei settori per conoscere gli espositori dell'edizione 2012 e la loro storia - A questo link trovate invece una fotogallery dell'edizione 2011]

Forse i pensieri riportati in questo articolo risultano scontati, banali, già sentiti per i membri di un GAS o per chi già bazzica in questi mondi; tuttavia è sempre bene animare ancora di più la discussione su questi temi per offrire e far nascere nuovi spunti di riflessione. Inoltre il nostro blog è visitato anche da persone che conoscono poco i temi dell'economia solidale e sono in cerca di informazioni.
Invitiamo, quindi, a continuare la riflessione scrivendo sotto nei commenti a questo articolo o magari contribuendo con un altro articolo inviandolo a blog@gaslegiare.org

Per chiudere queste righe, avevo voglia già da un po' di tempo di postare e condividere un'immagine che mi ha molto colpito: il logo della fiera "Fa la cosa giusta" Edizione 2011.

Un impiegato, un classico e "anonimo" impiegato, che sotto al "colletto bianco" indossa la tuta del SUPEREROE SOLIDALE pronta per essere sfoderata. Alla fine quest'immagine non è affatto un'esagerazione: tutto quel che facciamo nel nostro GAS e nelle centinaia di GAS che sono nati in questi anni e in tutte le realtà simili, in fondo, ha la stessa missione di un supereroe e cioè: SALVARE IL MONDO!!!

I nostri acquisti non riguardano solo la nostra bella famigliola (che può gustare e utilizzare prodotti davvero di qualità) ma contribuiscono, insieme a tutte le attività organizzate dentro e fuori dal nostro GAS, a qualcosa di molto più alto e gli effetti sono molto più "globali" di quanto si immagina.

L'ultimo incitamento da condividere sta nello slogan dell'edizione 2012 della fiera: IL FUTURO E' DI CHI LO FA

…e allora facciamolo insieme questo futuro!!!

BUONA VITA SOLIDALE A TUTTI!

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa cookies per migliorare l\'esperienza di navigazione Cliccando su \"ACCETTO\" consenti l\'uso dei cookies MAGGIORI INFORMAZIONI | ACCETTO