GAS le GIARE

I vostri inviati speciali a Vignola …

13 agosto 2010
by monica

… vi presentano Massimo Bonetti, simpaticissimo produttore della buonissima frutta (ciliegie, albicocche, susine) cha ha allietato la nostra estate!

Massimo Bonetti a sinistra e Massimo Veresani a destra

Dopo un viaggio che ci è sembrato lunghissimo, raggiungiamo Vignola, passiamo oltre, verso l’Appennino e finalmente svoltiamo a sinistra “nella via della meta” – dice il navigatore. Entriamo in un tratto della bella “Valle dei Ciliegi” lungo il fiume Panaro, ai piedi delle colline: frutteti a perdita d’occhio, intersecati da canali e piste ciclabili.

Massimo Bonetti ci accoglie con il suo simpatico sorriso e, per rispondere alla nostra prima domanda (quanto si estende il suo fondo?) , ci porta a fare una passeggiata lungo il perimetro della sua azienda. Certamente così abbiamo un’idea migliore della consistenza di 4000 piante!!! La ricca vegetazione e la sorpresa di trovare ad ogni passo un nuovo frutto, ci fanno sentire come in un safari fotografico, attenti a non perdere neppure uno dei particolari illustrati dalla nostra guida appassionata e … sempre più veloce (per fuggire dal sole cocente di luglio?!?).

Dopo aver osservato piante di ciliegie, susine, albicocche, pesche, mele, pere, ammirato alcuni ciliegi secolari e lo stupendo paesaggio delle colline circostanti, ci fermiamo all’ombra del portico di uno degli edifici del ’700 presenti sul fondo e cerchiamo di conoscere meglio Massimo Bonetti e la sua attività.

La sua famiglia lavora su questo fondo da 7 generazioni, come azienda biologica certificata dal 1987. Questa non è soltanto un’etichetta o un protocollo da seguire, ma una filosofia, un atteggiamento globale verso la terra, la coltivazione, le persone. Il Sig. Bonetti ha scelto un ente certificatore tedesco che ritiene più importante verificare sul campo i risultati, piuttosto che controllare scrupolosamente la compilazione dei registri, confermando che la sua autoregolamentazione nei trattamenti è sempre efficace. Certamente questo tipo di agricoltura naturale non è stato e non è facile. Occorrono costantemente sperimentazioni e aggiornamenti, sia per migliorare la redditività, sia per combattere eventuali nuove malattie o parassiti. Massimo Bonetti collabora infatti con il vicino campo di coltivazione sperimentale del comune di Vignola, in cui lavorano massimi esperti di ciliegie a livello nazionale, per studiare nuove e diverse varietà e per sperimentare la coltivazione biologica, in collaborazione con l’Università, il Centro Ricerche Produzioni Vegetali e il Consorzio della ciliegia tipica di Vignola.

Abbiamo parlato anche della commercializzazione delle ciliegie e dei fattori che portano alla formazione di prezzi di vendita così elevati. Massimo Bonetti ha deciso di svincolarsi dai meccanismi posti in essere soprattutto nel mercato locale di Vignola e di vendere i suoi prodotti soltanto a privati o Gruppi di Acquisto Solidale (GAS). In questo modo riesce ad applicare un prezzo sufficientemente remunerativo (se la stagione non è climaticamente disastrosa) ed onesto per i consumatori. Molti GAS lombardi ed emiliani sono suoi clienti (Lodi, Varese, Milano, Fidenza) e assorbono quasi tutta la produzione. La vendita diretta ai GAS permette anche di raccogliere le ciliegie con l’anticipo strettamente necessario alla loro cernita, senza nessuna sosta in celle frigorifere o attese sui banchi di negozi e mercati.

E’ stato molto interessante sentir parlare della raccolta delle ciliegie.

… (continua appena possibile)

Intanto potete guardare le foto nella GASllery

2 Trackbacks / Pingbacks for this entry

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa cookies per migliorare l\'esperienza di navigazione Cliccando su \"ACCETTO\" consenti l\'uso dei cookies MAGGIORI INFORMAZIONI | ACCETTO