GAS le GIARE

Il referente del nostro GAS Annalisa (Sottogr. Re-Scandiano) presenta il produttore di duroni biologici e biodinamici di Piumazzo Andrea Testoni . Gli ordini sono appena iniziati!!

L’ho conosciuto tre anni fa tramite Nicoletta del GAS Setaccio che promuoveva l’autoraccolta dei duroni nella fattoria di Andrea.

Incuriosita e pensando che fosse una bella opportunità per i bimbi, ho telefonato per chiedere se e quando andare a visitarlo  e far raccogliere ai bimbi le ciliegie.

Arrivati con un paio di amiche e una decina di bimbi, abbiamo ricevuto una accoglienza veramente particolare e attenta soprattutto ai bambini.

Andrea e uno dei suoi figli sono rimasti con noi tutto il pomeriggio raccontandoci della fattoria, di come raccogliere i duroni, degli animali che si possono incontrare, del ciclo della natura e tante altre cose che ci hanno affascinato e incuriosito sempre di più… e abbiamo assaggiato delle ciliegie buonissime!

Dai suoi racconti traspare l’amore per la natura, per i suoi alberi, per la sua famiglia, per il creato che cerca di trattare con tutto il rispetto e possibilmente migliorare.

E’ un vulcano di idee per quanto riguarda la promozione di stili di vita sostenibili; fondatore lui stesso di un gruppo di acquisto nel bolognese, promuove, partecipando a fiere e altre occasioni di incontro, l’agricoltura sana, nutriente, genuina, rispettosa del lavoro dell’agricoltore e dei doni della natura.

Andrea è perfettamente consapevole delle responsabilità che si assume quando si entra in rapporto con un gruppo di acquisto;  sottolinea sempre la relazione tra chi riceve il prodotto e chi lo produce (non utilizza i termini commerciali tipo cliente, commercio, vendita…) come relazione costruttiva per entrambi:  ama dire “nostre” ciliegie, si interessa, chiede commenti alla sua produzione.

L’anno scorso mi ha chiesto cosa ne pensassero i miei bimbi delle “nostre” ciliegie, ho risposto che Marta mi disse: “Deve essere un signore molto gentile per fare delle ciliegie così buone!”. Quasi commosso Andrea mi riferì che da quel momento una delle sue referenze sarebbe stato anche il commento di Marta. Infatti non ama mostrare le certificazioni, ma vorrebbe che le persone “vedessero e toccassero”.

Tante altre cose e aneddoti potrei raccontare, come per esempio l’episodio della richiesta del prezzo: quando gli ho chiesto quanto costassero al kg le ciliegie, mi ha risposto: “Vieni, guarda come produco, assaggia e poi il prezzo lo facciamo insieme”.

Ma visto che regolarità e correttezza esigono anche rigore burocratico, ho scovato una scheda sulla sua attività, un po’ più tecnica e un pò vecchiotta, che trovate sotto.

Annalisa (sottogruppo Reggio-Scandiano)

Le ciliegie del SalaroloLa mia azienda agricola è ubicata a Castelfranco Emilia, nella frazione di Piumazzo, cioè dentro il comprensorio della Ciliegia Tipica di Vignola, una zona storicamente vocata alla frutticoltura.Ha un’estensione di Ha 4.57 dove sono coltivate ciliegie, pere, albicocche e pesche. La produzione più importante è quella delle ciliegie di cui sono presenti diverse varietà tra precoci, medie e tardive in modo che la produzione inizi normalmente alla fine della seconda decade di maggio e si protragga per circa un mese. Le pere sono della varietà Williams e si raccolgono normalmente entro la metà di agosto. Le albicocche e le pesche sono in allevamento per alcuni anni. Quando saranno in produzione si raccoglieranno nei mesi di giugno e luglio.La conduzione della azienda in agricoltura biologica è iniziata nel 2000, con l’organismo di controllo CCPB. Nel 2004 è iniziata l’esperienza dell’agricoltura biodinamica, che integra e completa i fondamenti dell’altra. Meno conosciuta di quella biologica, l’agricoltura biodinamica non si astiene semplicemente dall’uso di prodotto chimici per aiutare la produzione ma considera l’azienda agricola come un unico organismo vivente a ciclo chiuso. Esso comprende quindi la terra nel suo complesso, gli elementi vegetativi (alberi, erba, ecc), gli insetti, gli uccelli, gli animali, l’aria, la luce, il cosmo e l’uomo, tutti interdipendenti fra loro. Queste scelte implicano non tanto di “lasciare fare alla natura” ma di aiutare la terra ad acquisire maggior fertilità per essere in grado di nutrire la pianta in modo equilibrato.Due consapevolezze che vorrei condividere con voi. La prima è di essere non solo proprietario della terra bensì custode di un bene affidatomi affinché lo possa lasciare alla prossima generazione migliorato e non defraudato della propria fertilità. L’altra raccoglie un impegno reciproco. L’agricoltore è il grande collaboratore della natura. Lavora affinchè si possa ottenere cibo sano, buono e nutriente; si impegna a produrre cibo che nutra ma anche tuteli la salute del consumatore. Allo stesso modo, ritengo che anche l’agricoltore debba essere tutelato dalle comunità che si nutrono del cibo da esso prodotto.Maggio 2010

 

 Attendiamo alcune foto della visita all’azienda agricola… se ci sono!!!

—————————————————————————————————————————————————————————————-

Un altro produttore di ciliegie a cui siamo molto affezionati come GAS è Bonetti . Anche da lui quest’estate ordineremo frutta deliziosa!

A questi link ci sono i resoconti delle visite fatte dal nostro GAS presso la sua azienda a Vignola.

http://www.gaslegiare.org/vitagas/chi-trova-bonetti-trova-un-tesoro  (2012)

http://www.gaslegiare.org/produttori/i-vostri-inviati-speciali-a-vignola (2010)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa cookies per migliorare l\'esperienza di navigazione Cliccando su \"ACCETTO\" consenti l\'uso dei cookies MAGGIORI INFORMAZIONI | ACCETTO