GAS le GIARE

 

Ci fa piacere condividere il resoconto della prima RISOTTATA del GAS le GIARE, iniziativa riuscita molto bene e apprezzata da chi ha partecipato. Speriamo che stimoli a proporre eventi simili che possono aiutare a conoscerci meglio tra di noi e con i produttori da cui acquistiamo.

Il CD ringrazia di cuore Eliana (sottogr. Correggio), Maria Pia e Lucia (sottogr. Rivalta/Quattro Castella) che hanno organizzato la risottata e ne hanno curato la logistica, con grande impegno e passione, oltre a Stefano Cerutti per aver offerto e cucinato il suo riso squisito e aver accettato di trascorrere una domenica presentando la sua attività. 

Domenica 28 Ottobre 2012 Stefano Cerutti, produttore di riso, uova e farina, nostro fornitore, ha accolto l’invito di cucinare per noi soci del GAS le Giare un ottimo risotto alla salsiccia. Siamo stati gentilmente ospitati dalla parrocchia di Puianello, con l’organizzazione logistica di Lucia e Maria Pia che si sono prodigate per trovare un luogo ospitale e adatto a questo incontro formativo/culinario.

Dopo il gustoso pranzo, Stefano si è intrattenuto con una chiacchierata di presentazione della sua azienda. E’ stata una piacevole occasione di aggregazione tra alcuni soci dei vari sottogruppi. Fra i presenti vi erano alcune famiglie da poco inserite che hanno avuto così modo di sperimentare cosa significa essere gruppo di acquisto.

L’azienda Cerutti nasce nel 1948 e fino ad ora si è tramandata di padre in figlio. Ed è proprio Stefano che decide, dopo un personale cammino di maturazione, di convertire l’azienda da metodo convenzionale a biologico. Una scelta dettata soprattutto dall’abbandono dei criteri di lavorazione permessi nel metodo convenzionale, che non lo convincevano più, perché in molti casi non tengono conto della salute del consumatore.

La sfida è stata impegnativa perché la conversione di una azienda al bio comporta che all’inizio sono più le perdite che i guadagni. Ad esempio, nell’allevamento di galline, il numero di capi sono passati da 15 mila unità a 9 mila perchè gli spazi a disposizione per gli animali secondo il metodo bio devono essere maggiori, per il benessere dell’animale che raramente in questo modo si ammala. Ora le sue galline vivono praticamente in una sorta di “residence di lusso”, visto gli spazi a loro disposizione.

E poi la risaia, che per passare da convenzionale a bio, ha subito una vera e propria bonifica, attraverso un metodo antico ed efficace, ripreso da Cerutti con la collaborazione dell’Università di Bologna. Questo metodo consiste nell’inserimento di pesci rossi nella risaia che permette l’eliminazione delle erbe infestanti e insetti dal terreno destinato alla coltivazione. Con il tempo la piscicoltura è stata sostituita da antiche tecniche usate dai vecchi coltivatori: si ritarda la semina del riso facendo così crescere, nell’ambiente ideale già preparato per la coltivazione dello stesso, piante infestanti che vengono estirpate prima della vera e propria semina. In questo modo il terreno è pronto per il suo naturale ciclo di crescita, stabilendo un ecosistema equilibrato che non necessita di interventi chimici.

Quello che ci ha colpito nell’ascoltare le parole di Stefano Cerutti è l’entusiasmo e la passione di un giovane imprenditore, che sa andare con coraggio e convinzione controcorrente alle logiche di mercato che cercano il profitto a tutti i costi.

Le cose da chiedere e approfondire sarebbero state molte, ma il tempo si sa è sempre tiranno e siamo stati costretti a lasciare andare il nostro amico, visto che per il ritorno non aveva un viaggio brevissimo.

Spero davvero che i presenti abbiano trascorso, come me, una gradevole giornata all’insegna della convivialità e della formazione.

Eliana (referente Azienda Agricola Cerutti)

 

1 Comment for this entry

  • monica scrive:

    Confermo che è stato un bellissimo pomeriggio in cui ho avuto anche la possibilità di approfondire la conoscenza di GASisti di altri sottogruppi.

    Mi sono rimasti impressi i tanti controlli cui l’azienda Cerutti è sottoposta, soprattutto relativi a uova e galline. Penso che siano ulteriore garanzia che ci vengono forniti prodotti sani!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa cookies per migliorare l\'esperienza di navigazione Cliccando su \"ACCETTO\" consenti l\'uso dei cookies MAGGIORI INFORMAZIONI | ACCETTO